Non ci sto!

Per sei lunghissimi mesi sono stata omaggiata gratuitamente de "L’Avvenire", probabilmente il quotidiano più inutile, codino, bigotto e barbogio della terra.
E questo già la dice lunga sulla mia piecor’s luck (the very famous "fortuna del piecoro", particolarmente in auge nel periodo pasquale).
Ricordo le copie che si affastellavano intatte in soggiorno, il vano tentativo di metterle nella cassetta dei vicini dopo aver attentamente tolto l’etichetta con l’indirizzo (lo so, devo confessarlo!), le prediche fatte a chi non ne conosceva l’orrore "tieni, tieni leggi: devi saperlo anche tu!" perché io so essere ossessiva ma, soprattutto, per togliersene una, almeno una, di copia dai piedi.
E poi ricordo il giorno della vittoria.
Una povera ed incauta centralista mi chiama per sapere se voglio sottoscrivere un abbonamento a pagamento. In risposta alle sue domande sul perché non volessi, sento ancora la mia voce sprezzante dire sottili cattiverie sulla pochezza editoriale del foglio.
E poi, e poi, e poi?
Cosa va a succedere?

"La stoffa umana di un leader, il suo stile e i valori di cui riempie concretamente la sua vita non sono indifferenti: non possono esserlo. Per questo noi continuiamo a coltivare la richiesta di un presidente che con sobrietà sappia essere specchio, il meno deforme, all’anima del Paese."

"Ciò che farebbe ridere in una puntata del Bagaglino non può non preoccupare i cittadini che di tanto ciarpame alla fin fine farebbero volentieri a meno."

"Ci ha inquietato lo spargersi, tra alzatine di spalle e sorrisetti irridenti o ammiccanti, di un’altra manciata di sospetti sulle gesta del presidente del Consiglio."

Dall’editoriale di ieri de "L’Avvenire".
Ecco l’unico giorno in cui avrei perfino incorniciato la copia!
Ah la Cei… questo covo di comunisti!

Annunci

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in ho detto la mia su. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Non ci sto!

  1. colleradiletta ha detto:

    ormai anche un editoriale del genere pare da sovversivi, n’est pas?

  2. superegovsme ha detto:

    assolutamente!
    però la ferita di essermelo perso dopo mesi di strrazio, non si rimargina!

  3. LePoetClochard ha detto:

    speriamo bene… ma occorre scongiurare il pericolo di un tentativo cattocomunista di balzare in sella. via i fasci e i cattolici dal parlamentoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

  4. Alej ha detto:

    Certe ferite non possono rimarginarsi… 😛

    PS: forse le tue invettive hanno provocato tutto questo… fossi in te riconsidererei la sottoscrizione dell’abbonamento….

  5. giapatoi ha detto:

    casella da riempire:
    L’opposizione in Italia
    1) Veronica Lario
    2) l’Avvenire

    ..omioddddio!

  6. sangervasio ha detto:

    sinceramente il tutto mi lascia piu’ perplesso per il fatto che ci sia quasi timore a parlarne giustificando il tutto con l’effetto privacy solita boiata riparatrice

  7. peterpani ha detto:

    ti ho linkata… non è chiaro cosa presuppone che ti abbia fatto… comunque scrivi cose interessanti… poi in questo “piccolo” mondo, a volte ci si imbatte nella vicina di pianerottolo… per non usare la solita frase abusata… Devo ancora indagare su “il giorno della vittoria”… oltre al dialogo c’è anche la diatriba, per cui… ciao, Peter (ma chi è sto Peter?)…

  8. peterpani ha detto:

    …leggo cose che credevo di pensare solo io e pochi intimi… incredibile!… allora esiste anche l’opposizione sommersa…
    “Avvenire” ha pur sempre la palla al piede di quel libello, si “Vangelo”… però stanno migliorando… ora si accontentano di difendere anche un secondo o terzo matrimonio… che rinnovamento…

  9. superegovsme ha detto:

    @Lepoet: Parlamento vuoto!!!
    @Alej: sarebbe un vanto, ma non so perché dubito…
    @Giapatoi: come se semo ridotti!
    @Sangervasio: però ammetto che anch’io ci trovo poco da dire, se non che almeno lei se ne è liberata. L’italia ci metterà molto di più!
    @Peterpani: mo benvenuto. Grazie del link e dei complimenti. torna presto!

  10. sevensisters ha detto:

    Ecco, lo vedi? Mai partire prevenuti;-)
    Peccato tu non abbia il gusto del trash. Ti consiglierei “Radio Maria” (la ascolto spesso) al cui confronto “L’Avvenire” è il manifesto dell’Illuminismo.

  11. superegovsme ha detto:

    Mi stai tentando!!!!
    Radio Maria piena di grazia!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...