Trattoria tipica La Pergola.

C’è un luogo in tutta l’Umbria – che pure mi è assai piacuta – che ha fatto urlare di gioia la cara Ego.
Quel posto è Orvieto, una cittadina deliziosa, arrocata, cinta da mura antiche, piena di vicoletti misteriosi, schiettamente aperta nella meravigliosa piazza del Duomo, colma di negozi e negozietti, un vero incanto, insomma.
Se c’è un luogo di questa città, dove mi spingo a dire che quasi quasi vivrei perfino, che mi ha lasciato ebbra di gioia, beh quel luogo è "La pergola".
Sito alla fine della tipica "via degli artigiani" – una breve stradina in cui tra i tanti negozietti, troneggia "Medio Evo" la bottega in cui ho preso la mazza ferrata per Bisou e la mia augusta genitrice bis mi ha regalato l’unico anello, gestito da una signora tanto svalvolata quanto simpatica, un piccolo antro pieno di mille oggetti alcuni di ottima fattura (ad esempio delle ceramiche realizzate in esclusiva con delle vere foglie cristallizzate non so come al loro interno, subito comprate per Nuvola, o delle graziose farfalle in smalto e ferro battuto, prese alla Sys) – la "Trattoria Tipica La pergola" è un piccolo ristorantino, avrà in tutto forse una ventina di tavoli, da non perdere davvero se si passa per Orvieto. Pensate che io, dopo averlo scoperto su consiglio di alcuni indigeni locali, ho deciso, con il grande entusiamo di SuperMog e Mammabis, di tornarvi ancora una volta.
A due passi dall’incantevole duomo cittadino, "La pergola" offre due confortevoli ambienti: un interno molto curato e un esterno gradevole.
La mise en plat è semplice ma curata: i piatti e i bicchieri sono senza fronzoli ma graziosi e i bicchieri sempre opportunamente adeguati; i piatti di portata sono molto carini, particolarmente "simpatiche" le tazzine da caffé di ceramica colorata.
Il tovagliato è essenziale e ricoperto da una spessa tovaglia in carta del tipo però più resistente e morbido, che ricorda le lenzuola usa e getta degli ospedali: una scelta certo non raffinata ma comunque apprezzabile per la qualità e non spiacevole all’uso.
Ma la cucina è il vero punto di forza de "La pergola": un’ampia e gustosissima proposta della cucina tipica locale, non scevra di suggestioni e di contaminazioni con la vicina Toscana.
Le scelte sono ampie e variegate: per gli antipasti, in entrambi i casi in cui mi sono seduta, ho optato per un plateau di salumi (particolarmente apprezzabile la coppa e lo speciale salamino, sostanzialmente un "milano" di formato però più piccolo e con qualche piccola differenza nella composizione) e il misto di bruschette con anche quelle al lardo. Per quello che riguarda le bruschette, che nelle due occasioni erano di scelta differente, ho trovato praticamente eccellenti quelle ai funghi e quelle al patè – cosa eccezionale visto che non amo decisamente il fegato.
Interessante la selezione dei primi: sono presenti delle zuppe, io ho provato quella di verdure e fagioli, molto delicata ma saporita e numerosi primi piatti di cui è possibile anche chiedere degli assaggi. Nelle due occasioni in cui ci sono stata ho provato: le ombrichelle (un tipico formato di pasta fresca umbra, simile ai pici toscani) all’arrabbiata, dei ravioli di patate con pomodorini, rucola e taleggio (decisamente notevoli) e degli incantevoli gnocchi con spinaci, pancetta e salsa al tartufo, probabilmente il piatto migliore del ristorante. E che adesso, con la fame che ho, mangerei tali e quali! invece, santa forza di volontà, lasciai nel piatto.
Ecco io sta storia del morso della creanza l’ho sempre trovata una emerita stronzata, da quando poi lo lascio per motivi "dieto-calorici" ho potuto apprezzarne la totale incapienza.
Ma facciamo i seri, va.
La scelta dei secondi, che pure prevede numerose possibilità, è a preponderanza di carne, come facilmente ci si può aspettare, ma propone anche un piatto a base di baccalà.
Io però ho optato per una selezione di formaggi, piuttosto ricca ed accompagnata da alcune conserve di cipolle e di fichi davvero buone, acquistate ci han detto a Pienza.
La carta dei vini ha poche ma simpatiche possibilità; divertentissima la selezione di birre che si dividono tra artigianali, trappiste e anche un’etichetta di birra preparata con il metodo charmat (che sarebbe quello della spumantizzazione).
Molto buoni anche i dolci, tra i quali spicca lo zuccotto ai frutti di bosco ricoperto di crema al cioccolato.
Estrema la gentilezza degli inservienti, coordinati dal disponibilissimo e preparato Alberto, il maître di sala, il quale si è reso presente per consigli sia sulla scelta delle portate e degli abbinamenti con la birra, sia, perfino per indicazioni sui luoghi da visitare nelle vicinanze.
Il conto poi lascia sorpresi: in entrambi i casi con tre bottiglie d’acqua e una di vino (nell’altro caso di birra), e caffè abbiamo pagato 70 euro in tre per una cena davvero significativa.
Uniche pecche del locale un cestino del pane scialbo (solo pane locale e grissini confezionati), le piante finte nel giardino (davvero facilmente evitabili) – e questi sono ovviamente peccati veniali -; decisamente più grave la presenza di un unico bagno non propriamente pulito.

Trattoria Tipica "La pergola" – Via dei Magoni 9/B, Orvieto.
Tel.: 0763.34.30.65.
Voto: 8- fare i dovuti aggiustamenti estetico-igienici please!

Annunci

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in le gourmand, mamma bis, supermog. Contrassegna il permalink.

20 risposte a Trattoria tipica La Pergola.

  1. emptyout ha detto:

    Io sono stato All’Asino D’oro.Ad Orvieto.
    Si mangia da Dio!
    Sembra pero’ che il locale si sia trasferito a Romam nel quartiere montesacro.
    Quindi se ripasso per Orvieto andro’ dove dici tu!
    🙂

  2. emptyout ha detto:

    Io sono stato All’Asino D’oro.Ad Orvieto.
    Si mangia da Dio!
    Sembra pero’ che il locale si sia trasferito a Romam nel quartiere montesacro.
    Quindi se ripasso per Orvieto andro’ dove dici tu!
    🙂

  3. pitunpi ha detto:

    Ci andrò, mi hai convinta. Che meraviglia…

  4. pitunpi ha detto:

    Ci andrò, mi hai convinta. Che meraviglia…

  5. BettyBryce ha detto:

    Voglio andare ad Orvieto.
    Ecco.

  6. BettyBryce ha detto:

    Voglio andare ad Orvieto.
    Ecco.

  7. anonimo ha detto:

    E non hai visto Montefalco…….
    Avv.Godot/nl

  8. anonimo ha detto:

    E non hai visto Montefalco…….
    Avv.Godot/nl

  9. pierthebear ha detto:

    ciao Ego,mi piace un sacco quando spieghi le carattristiche di un locale..sei molto brava…quando passero per Orvieto (bellissima cittadina) andro a cercare La Pergola e ti pensero mentre mi mangio una doppia razione del zuccotto ai frutti di bosco ricoperto di crema al cioccalato mmmm…..ciao ciao…Pier

  10. pierthebear ha detto:

    ciao Ego,mi piace un sacco quando spieghi le carattristiche di un locale..sei molto brava…quando passero per Orvieto (bellissima cittadina) andro a cercare La Pergola e ti pensero mentre mi mangio una doppia razione del zuccotto ai frutti di bosco ricoperto di crema al cioccalato mmmm…..ciao ciao…Pier

  11. superegovsme ha detto:

    emptyout: vacci e poi mi dirai! cmq qst nome mi ha molto incuriosita! manderò in avan scoperta qualche amico romano. baci
    @pitunpi: non resterai delusa 🙂
    @BettyBryce: che bella che è. Io l’ho adorata, ma proprio tanto!
    @Goddy: che bello rileggerti!!!!!!!! quando ci sentiamo?
    @Pier: grazie, piace molto anche a me, come si sarà capito. Quando collaboravo con il giornale cercavo in tutti i modi di creare una paginetta di enogastronomia, poi non se ne fece niente :-(; chissà forse in un futuro.
    bacionissimi a tutti voi!

  12. superegovsme ha detto:

    emptyout: vacci e poi mi dirai! cmq qst nome mi ha molto incuriosita! manderò in avan scoperta qualche amico romano. baci
    @pitunpi: non resterai delusa 🙂
    @BettyBryce: che bella che è. Io l’ho adorata, ma proprio tanto!
    @Goddy: che bello rileggerti!!!!!!!! quando ci sentiamo?
    @Pier: grazie, piace molto anche a me, come si sarà capito. Quando collaboravo con il giornale cercavo in tutti i modi di creare una paginetta di enogastronomia, poi non se ne fece niente :-(; chissà forse in un futuro.
    bacionissimi a tutti voi!

  13. kirby ha detto:

    già tu poi in quel bagnio ci sarai andata minimo 3 volte…

  14. kirby ha detto:

    già tu poi in quel bagnio ci sarai andata minimo 3 volte…

  15. superegovsme ha detto:

    Ma minimo minimo, eh!
    ahahahah
    ahahahh
    infatti nelle mie recensioni il bagno vien sempre sottolineato, non solo perché, obiettivamente, sia un importante indice del livello del ristorante ma, above all, perché è un argomento a me molto caro!!!
    Grande Trucyx!!!
    Peccato che settimana prossima di te non resteranno altro che brandelli sanguinolenti!

  16. superegovsme ha detto:

    Ma minimo minimo, eh!
    ahahahah
    ahahahh
    infatti nelle mie recensioni il bagno vien sempre sottolineato, non solo perché, obiettivamente, sia un importante indice del livello del ristorante ma, above all, perché è un argomento a me molto caro!!!
    Grande Trucyx!!!
    Peccato che settimana prossima di te non resteranno altro che brandelli sanguinolenti!

  17. lo_struzzo_nero ha detto:

    Urka quando passo da quelle parti ci vado! Grazie della segnalazione…
    :*

  18. lo_struzzo_nero ha detto:

    Urka quando passo da quelle parti ci vado! Grazie della segnalazione…
    :*

  19. Salinaversosud ha detto:

    Ma buongiornooooooo!

    E’ indice di attenzione la tua “mania” per i bagni. Ottima cosa caVa!

    ….Magari ti sei infiltrata anche in qualche cucina e non ce l’ hai detto!
    Ps. sei proprio brava, Le Gourmand non mi delude mai!

  20. Salinaversosud ha detto:

    Ma buongiornooooooo!

    E’ indice di attenzione la tua “mania” per i bagni. Ottima cosa caVa!

    ….Magari ti sei infiltrata anche in qualche cucina e non ce l’ hai detto!
    Ps. sei proprio brava, Le Gourmand non mi delude mai!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...