Sushivendolo: prendi e porta a casa!

Ora non si può dire che io non sia una tenace e per di più una che quando prende le insirie è una tipa insisto (dicesi tipa insisto perniociosa creatura la quale, saldamente attaccata alle proprie idee, le assevera e afferma in continuazione, con tenacia, insolenza, perfino una certa qual maniacalità).
E quindi mica mi è bastato far polpette de "Il Sushivendolo" qui e poi qui, per non dire di qui.
Nu, nu. – Mentre la reazione dei sushivendili all’ennesimo mio post a loro dedicato sarà nuuuuuuuuuuoooo! –
Non basta perché stamattina ho scoperto una cosa che mi toglie praticamente l’unico lato positivo che ci vedevo lì…
Andate su easysushi e "voi la capirete da voi" (Benigni-Piovani cit.).
Ecco io ieri ero dall’amico Massimiliano (che lo preciso e lo dico: è un amico, quindi sì sono partigiana), il quale tra l’altro spero di intervistare al più presto, da Kukai.
We, ma la volpe che fa?! Mica mi dice che ha tirato su un sito sì bello?!
Ah che problema, chi è così bello tende a confondersi () devo cercare di far diventare anche lui un SuperGnoccoMegaGiga, così mi centrerà subito il punto!
Cmq oltre a sghignazzare ai danni de "Il sushivendolo", volevo ancora una volta lodare la cucina di "Kukai Nibu" anche se ieri, perfino io, ho dovuto attendere un tempo incongruo (oltre 35 minuti per mangiare ed era un puzzolente giovedì – forse problemi di orario le 22, non l’orario da scegliersi, potendo).
Nello specifico, lodevoli scoperte ultime son stati gli uramaki al salmone terayaki e i ten roll (quelli con il gambero in tempura).
Quindi ordinate, ordinate da Massimiliano Neri on line e indoor, la gggggggiovinedibellespes ve ne sarà grata.
Advertisements

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in le gourmand. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sushivendolo: prendi e porta a casa!

  1. pierthebear ha detto:

    ciao giovane "insisto perniociosa" sempre impegnata in scoperte e riscoperte gastronomiche……sai che nn ho mai mangiato da un sushivendolo…rimediero appena posso un salutone ciao bionda…pier

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...