Non mi piace nascere al tramonto…

Chi passa senza por tempo in mezzo da Sinatra e i Depeche a Francesco Facchinetti non sta bene con la capa.
Ora ascolto Cesare Cremonini, una canzone che l’anno scorso in allegria (se fa ppè dì, più che altro era un loop ossessivo) si sentiva con un tipaccio, tipaccissimo, già noto su questi schermi.
Ma quello che mi preoccupa adesso sono le mie psicopatologie, numerose.
E domani in tribunale tutti quanti, o meglio, solo io.
E il casino?
Beh quello non scema.
Ha un nome, un cognome, un odore che ricordo appena, due occhi.
Ma poi la verità… non è neanche così.
Il casino ha le lentine viola, il casino… c’est moi! 

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in ex e altri criminali. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Non mi piace nascere al tramonto…

  1. moonsound ha detto:

    ecco, io allora non sto bene con la capa (anche perchè in ufficio ho un cao anzichè una capa!).
    Scherzi a parte… passare da Ella Fitzgerald che canta Cole Porter al prog dei Dream Teather, attraversando l’underground inglese degli Ozric, per poi ripiombare in una Moonlight Serenade di Glenn Miller… beh… è una chiusura di un cerchio… ma bisogna essere fuori di capa…. tanto tanto! 

  2. superegovsme ha detto:

    Attenzionissima!!!
    e qui dobbiamo approfondire, anche perché mi hai citato ben due gruppi che non conosco… vero è che la mi ignoranza in tema di musica è ahimé ben nota…
    Un bacione torna presto su questi e sugli altri schermi (ma posso considerare il mio auto-spamming?!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...