991 Irish Zone

In passato avevo già parlato di questo incredibile piccolo luogo di eccellenza (queste le vaghe allusioni della giovine), poi, una parte corposa di questa recensione era apparsa sul mio altro moribondo sito – che non linko perché è già sul lettino del mastrotitta.

Ma ancora qui non mi ero soffermata analiticamente sulle molteplici gioie che può riservare una serata trascorsa da Rita e Gigi, i proprietari del 991, simpaticissimo pub, anche se, IMHO, questa definizione non è che sia più di tanto attagliata per il locale, che si trova in Napoli all’inizio di Via Aniello Falcone, vicinissimo al ponte di Via Cilea.

In effetti, il “991 Irish Zone” ha tutto l’apparire di un piccolo ed accogliente pub irlandese: è tutto in legno, con tavoli con sedie o con alti sgabelli, carinissime (ecco magari un po' ridondanti, ma se sa: a me me piace ridondare!) immagini fairy dipinte sulle pareti e numerosi altri caldi dettagli studiati con estrema cura. Ma sono le sue espressioni culinarie a travalicare e trascendere i limiti  – a volte un po’ angusti – della cucina tipica di questi locali.

Il 991 è sì luogo dove scegliere tra panini, hamburger, ottimi tagli di Angus, ma vi si possono anche gustare bocconcini di bufala tra i più buoni che mi sia mai capitato di mangiare, perfette terrine di parmigiana di melanzane e selezioni attente di salumi e formaggi tipici del nostro bel paese.

Cucina dall’ispirazione semplice, quindi, ma anche veri e propri piatti da degustazione.

E così è possibile trovare ricotta di alta qualità servita con una granella di noci e mandorle; sigari di prosciutto di Praga riempiti di fresco caprino; proposte di salumi sofisticati.

Altro dato particolarmente notevole è la circostanza che, pur essendo il menù in larga parte fissato e le sue proposte tutte presenti, talvolta qualcosa non ci sia, a riprova dei continui e giornalieri approvvigionamenti che Gigi e suoi soci curano personalmente. Così come non mancano spesso piatti del giorno nuovi e stuzzicanti che "ballano" per poche sere.

A questo punto, mi fa piacere parlare brevemente proprio di Gigi e di sua moglie Rita: un ulteriore – e assolutamente – non sottovalutabile punto di forza del 991 è decisamente la loro presenza e l'attenta gestione. Gigi e Rita sono due persone allegre, sorridenti, sempre pronte alle esigenze dei propri clienti. Memorabili sono le loro spiegazioni dei piatti, sempre doviziose di particolari – e se lo dico io buona spiegazione a tutti. Anche quando il locale è molto affollato, cosa che fortunatamente (ma non a caso) accade spesso, i due hanno tempo da dedicare ad ogni singolo tavolo con la loro proverbiale simpatia e ospitalità. Caratteristiche che si riscontrano in ogni collaboratore della coppia e che fanno del 991 un luogo in cui il tempo trascorso è sempre piacevole e disteso, differentemente da molti altri locali del genere in cui si ha sempre l’impressione di essere compulsati a far presto. Menzione specialissima per il nipote di Gigi, Pasquale: ragazzo adorabile, tra l'altro carinissimo, sempre sorridente e garbato anche quando deve lottare con uno stuolo urlante di clienti, non sempre a modo come lui, ed interloquire con una pazza scossa con i capelli e gli occhi cangianti (molto bella, si dica) che si sente in dovere di dichiarargli il proprio amore ogni volta che lo vede passare vicino al tavolo. Credete di poter immaginare chi sia?

Altre stuzzicanti proposte che si possono permanentemente trovare al 991 sono: crepes salate farcite in vari divertenti modi; crostoni dai gusti più svariati; numerosissimi e ottimi contorni tra i quali spiccano i friarielli e funghi cucinati davvero molto bene; buonissimi rotoloni di mozzarella anch’essi con varie farcie tra le quali consiglio sicuramente, vista la particolarità, quella con i cuori di palma; da non perdere, quando disponibili, piccole torte di pan pizza da gustare con bresaola e rucola, piuttosto che con altri salumi.

Ricchissima la scelta di birra, sia alla spina, sia in bottiglia. Presente anche una notevole selezione di vini rossi di fascia media ma piuttosto ricercati e assolutamente non commerciali.

Menzione speciale per i dolci, le famosissime ciocorite. Dei piccoli bicchierini di vetro riempiti di crema di ricotta, adagiata su di un “pesto” di biscottini al cacao e con crema o al cioccolato fondente o al cioccolato bianco o di più delicato incontro tra ricotta e pera, il tutto completato da esili bastoncelli di cioccolato bicolore e cannucce di biscotto decorative.

Nulla da dire neanche sulla selezione dei fine pasto: accurata, completa e di qualità.

Tutto questo, ma anche molto altro che non ho avuto tempo di descrivere, fa del 991 un posto speciale dove passare una serata piacevole in compagnia dei propri amici: un luogo accogliente dove la ristorazione è di un livello di gran lunga superiore alla media dei pub napoletani e per qualità degli ingredienti e per la varietà delle proposte.

Come parte inedita rispetto al testo apparso su Cherchez la SuperFigaMegaGiga, vorrei prendere in analisi una cena per tre svoltasi appena ieri – astenersi commenti sulla quantità di robe mangiate e, above all, bevute.

Ieri sera, in un sabato che ha visto il 991 più che pieno strabordante, in tre abbiamo saggiato: una patatina fritta fresca con wurstel; delle deliziose perle di ricotta, davvero superbamente composte (una doppia impanatura, particolarmente compatta conteneva una pallina di ricotta con basilico e pecorino); dei deliziosi tocchetti di frittata di patate e di spaghetti (menzione speciale per quella di patate); un'incredibile terrina al graten di patate, mozzarella e prosciutto cotto; un hamburger marchigiano al piatto con contorno di melanzane alla griglia; una terrina di polpette fritte con contorno di peperoni e funghi; tre adorabili ciocorite.

Voglio sottolineare, ancora una volta, la capacità di servizio delle portate: la mia amica aveva chiesto una cottura media per il suo hamburger (cosa che io non farei mai, però, tant'è, le perdono anche questo): ebbene la cottura era realmente media con tanto di carne perfettamente rosata al centro. Una cosa semplice, direte voi, per niente affatto è la mia pronta risposta: sarà pure semplice da fare, magari, il problema è che nella stragrande maggioranza dei luoghi in cui ho mangiato ho ricevuto carni richieste al sangue mediamente cotte e carni richieste a media cottura tendenti al ben cotto. Inutile dire, quanto io possa riprovare questi simili inconvenienti.
Per entrare nel reparto "bibite" ieri ci siamo dedicati completamente alle birre,  provando la Twaites doppio molto e la Douglas rossa entrambe alla spina (quattro mezze pinte della prima e una mezza pinta della seconda) e una bottiglia da 75 cl di La Chouffle, interessantissima birra di abbazia direttamente dal Belgio.
Vabbé poi la stessa che ha ordinato carne a media cottura ha anche bevuto due bottiglie d'acqua, essendo praticamente astemia, ma che dire: io a quella donna consento tutto.
In tre, non considerando la gentile attenzione che Gigi e Rita mi fanno sempre, abbiamo pagato poco meno di 90 €, prezzo competitivissimo considerato quanto ordinato e, soprattutto, la bontà delle portate.
Una sera notevolmente piacevole, come sempre, più di sempre.

991 Irish Zone, Via Aniello Falcone n. 1 – 80127 Napoli.
Voto: per la nicchia che occupa anche 9, mi voglio sbilanciare, con l'augurio, tutto napoletano, che "San Pasquale ve l'adda accrescere!"

Annunci

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in le gourmand. Contrassegna il permalink.

10 risposte a 991 Irish Zone

  1. madibacisaziami ha detto:

    un saluto grande ma cher:-)

  2. superegovsme ha detto:

    un bacione cara mia!!!

  3. anonimo ha detto:

    è proprio il luogo della gioia. lodi, lodi, lodi

  4. pierthebear ha detto:

    ma come mi garba questo locale….poi descritto come sai fare tu…lodi,lodi,lodi,anche da parte mia 😉 ciao D. sei la numero uno..Pier

  5. superegovsme ha detto:

    @Pier: sei sempre troppo buono con me!!! e ma prima poi dovrai venire a trovarmi, però!!! certo fai una dieta di un paio di settimane prima e poi… 😉 TVB
    @Pollo: tu sei il volatile della letizia, invece!

  6. anonimo ha detto:

    Ciao, è la prima volta che leggo il tuo blog, ho trovato un tuo commento che mi ha incuriosito sul blog di Veronica Ferraro e così sono venuta a dare un'occhiata. Devo dire che rimango sbalordita dalla tua schiettezza e dalla capacità con cui metti a fuoco le cose. Non è un cosa così semplice al giorno d'oggi avere una simile inclinazione… Mi piace davvero il modo in cui scrivi, ti faccio i miei complimenti…

  7. superegovsme ha detto:

    Grazie davvero tante. Non potete immaginare come ogni singolo commento favorevole sia importante per me. Anche grazie a questo tipo di osservazioni (quelle lusinghiere, come quelle meno), sono riuscita a migliorare il mio modo di scrivere.
    Spero che tornerai a trovarmi, io un salto da te lo farò di sicuro.

  8. lo_struzzo_nero ha detto:

    Buongiorno con sorrisi…

  9. anonimo ha detto:

    Locale stratosferico …….ma da dove è uscito?
     

  10. superegovsme ha detto:

    @Struzzo: baci in ritardo!!!
    @Ciccio: dal mio cappellone magicooooo!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...