GF 11: l’inizio della fine.

Due anni di seri interventi, di poesia sperimentale, di racconti e di contest letterari.
Due anni di battaglie sociali, di recensioni critiche di film e libri, due anni di racconti dei mejo locali del napoletano.
Due anni di sensibilità eterea sparsa qua ma anche là, a destra ma anche a manca e poi…
E poi distruggo godiva la mia stessa credibilità, dedicando tutta ma proprio tutta la mia arte ad un'attenta analisi della prima SCHIOPPETTANTE puntata del Grande Fratello 11.
Poiché il richiamo del trash è forte, vi racconterò che io dalle 20.15 alle 21.20 mi ero anche appisolata (tra l'altro perdendomi pure "Un posto al sole", tanto oramai, guardiamoci pure in faccia, dismettiamo del tutto ogni plausibile vezzo da intellettuale di sinistra), ma poi ecco all'improvviso apro due occhi pallati come non mai.
Quella donna capace di ogni doppiezza che risponde al nome di mia madre guardava "Indiana Jones", ma è bastato un solo mio guaito (un solo "caì!") per capire che stava sbagliando.
Arrivo che già la trasmissione è iniziata: sono tutti in piedi e piangiucchiano applaudendo, temo si stia commemorando Pietro Taricone, non ne sono certa, ma la liturgia trash questo richiederebbe.
Poi sbarca la nostra stambeccona preferita, quella che una mia amica ha efficacemente definito da ultimo "una gallina dalle zampe troppo lunghe", questa volta abbigliata con un sobrio vestito di lamè grigio nero giro patonza en dehors, con un lungo scomodo ed orrendo a vedersi strascisco (sempre laminato) en dedans.
Presenta il nostro amato Alfonso, uomo capace di rendere vere tutte le più viete e deteriori affermazioni sugli omosessuali, che quest'anno brandisce un vezzoso ventaglio, invece che quelle simpatiche rose con le quali si trastullava lo scorso anno.
Sull'uso più opportuno che si dovrebbe fare di quel ventaglio, con quel ventaglio e per quel ventaglio , lascio cadere un velo pietoso, ma sempre in nome della mia meritocrazia: durante la puntata egli ha pronunciato una battuta clamorosa di cui più oltre dirò che lo preserva, per qualche giorno almeno, da odiose pene corporali.
Epperò all'inizio io ero anche un po' freddina: mi scusavo con mia madre per averle fatto vedere sta roba, dicevo – mentendo per il collo, sia chiaro – "ma se vuoi rimetti sul 2", pronunciavo frasi come "la tensione è alle stalle", beandomi della mia acuta distanza intellettuale.
L'ultima volta che ho rabbrividito con coscienza è stato quando è apparso tal NanTo (uno della provincia di Roma come nessun leghista potrebbe auspicare esistesse: un cafone cerebroleso che ne basta un quarto, neanche la metà): davanti a tanto trash i miei anticorpi hanno reagito con violenza.gf2 Credo di poter dire, però, che lo sforzo li abbia uccisi: dopo di allora, nulla è stato come prima.
Mi facevo una camomilla mentre si è svolta una scena che ha ridefinito il Grande Fratello: a NanTo è stata introdotta un ragazza di origini africane (una mulatta bombastica), nuova concorrente.
La ragazza, che con un grandissimo senso pirandelliano del contrario si è presentata tutta vestita di bianco  – con tanto di mantello e maschera orgia di Eyes wide shut inspired – dichiarando che lei vorrebbe che la sua esuberante fisicità passasse in secondo piano, ha inscenato un sensuale balletto con streptease in favore dell'ottimo nostro, il quale era vicino al collasso cardio-circolatorio.
gf 1Ed è stato lì che io ho perso la mia dignità.
Nel descrivere come dovrebbe essere la sua donna dei sogni, il nostro l'ha disegnata (oltre che con la pelle color cioccolatino, ogni commento sull'odiosità spinta di questa frase resta omesso) soTa e con il sedere appizzuto.
Se un esorcista fosse stato anche solo ad un paio di km da me, a quel punto, sarebbe accorso per salvarmi da Bafometto: ho perso letteralmente la testa, i miei giochi di parole sono diventati particolarmente osè, le mie risate hanno superato la soglia della normale tollerabilità per i vicini del primo piano (io abito al quinto).
Ho promesso a me stessa e davanti a voi fratelli che ho uno e un solo goal per "l'anno ca trase": "obiettivo 2011: diventare soTa e appizzuta. è ufficiale: non perdere un fucked minute del GF11!".
E da quel momento niente è stato più come prima: mi sono subito dovuta trovare ad ammettere che: "
Darei il mio onore per un Mac Pro con il quale postare in live blogging le mie impressioni a caldo sul GF11 su 
http://unagiovinedibellespes.splinder.com/ (che poi cavoli ma nessuno di voi – amici di fb, che poi son 310 al momento mica due – lo vede? Sono l'unica decerebrata…)".
E devo dire che è stato molto liberatorio e che poi come tanti suricilli richiamati dal mio piffero magico manco fossimo ad Hamelin numerosi individui sono venuti fuori ed hanno dichiarato per mezzo dei loro stauts che sì, anche loro peccavano, e anche loro ne erano fieri.
Perché poi fateci caso: una volta che la valanga trash ti coglie subito ti è dolce naufragar in quel mare; subito vuoi affermare che lo fai e ne sei fiero, come se l'autoconsapevolezza potesse lenire la colpa.
Altri momenti notevolissimi sono stati: la scelta operata da tre Graie – una "napoletana" c'è cioè è di Quarto, io non vorrei dire, molto carina ma da prendere a ceffoni – tra due siciliani.
Si è usato il solito meccanismo: sceglietene solo uno, dicendo all'altro le peggio cose, tanto tra cinque minuti entra pure lui e può cacciare una di voi!!! Inutile dire che però le tre Moire non si sono avvedute per tempo di questa ovvia circostanza e così una di loro, la più brutta Ça va san dir, una versione nana e perversa della modella Riccobono, ha just found her own way (ha trovato la via sua, per chi non conoscesse questa efficace espressione anglo-napoletana), anche se le mie capacità deduttive mi fan capire che sia rientrata (c'è ancora la sua foto sul sito).gf 3Poi sì è tentennati un po': è entrato il gigolò, tale Giuliano, il quale per l'aderenza dei pantaloni che indossava, come dire, qualche riserva sulle sue performance orizzontali la fa venire. Da qui la battuta geniale di Signorini, sdegnato come quando commenta  efferati delitti di cronaca nera in giro per salotti televisivi: "ma questo è un sola!!" segue applauso fantozziano di 15 minuti da parte del pubblico.
Evidentemente il caro Alfonso puntava tutto sul gigolò, un po' come la redazione di Wired punta tutto sul nobel per la pace ad internet e gli elettori di centrosinistra sull'arrivo di un provvidenziale papa straniero. 
A ciascuno il suo.
Segue l'entrata di boni random, tra cui spicca un tal Clivio che provoca turbanti, un carissimo Andrea che poi mi ricorda molto (ma devo dire che è meno bello, figuramose) un mio amico supertopmodel, e di uno svitato italo-francese che è stato costretto a mangiare formaggio e a bere champagne prima di entrare.gf 4 Soffermiamoci su quest'ultima frase.
Sì, sì, sì. Per precisa e consapevole scelta autoriale, al GF 11, David ha dovuto alitare in faccia (ma lui non l'ha trovato affatto strano, eh) ad un'altra concorrente che si trovava con lui in una dark room: ora ho capito cosa s'intende per pratiche sado-maso.
Nel mentre io impazzivo sempre più: mandavo sms al mio amato muflone aka Amistad aka Bisou – aka datore di lavoro, per chi non lo sapesse – supplicandolo di vedere il GF, promettendogli in cambio orari di lavoro ancora più intensivi e svolgimento pratiche a me assegnate a tempo record (quattro mesi invece di tre!!! – scherzo eh io sono una seria professionista!!).
Poi però ho avuto modo di turbarmi, perché la decenza in Italia non sappiamo più cosa sia: tra i plausi della gente e argute riflessioni dell'immarcescibile Signorini, ha fatto il suo ingresso Ferdinando, ragazzo salernitano il cui padre era affiliato ad un clan camorristico.
Ora, chiaramente, io non voglio sostenere che chi ha un passato così doloroso, per di più subito incolpevolmente, debba pagarne le conseguenze vita natural durante.
Non è assolutamente questo, e ci mancherebbe, il mio pensiero.
Affermo, piuttosto, che sia indecente che in un circo squalificato e squalificante come questo si voglia dare ingresso a tematiche serie, dolorose e impegnative come questa.
Il Grande Fratello non è mai stato, non è e non sarà mai, un esperimento sociale del menga: smettiamola con questa cagata e lasciamolo proliferare nei suoi ben definiti limiti di genere (la bonazza contro il coatto, la milanese contro il sudista, l'intellettuale – o più che altro il preteso tale -contro tutti).
Segue altra cosa discutibilissima: il probabile ingresso per la settimana prossima di un ragazzo la cui compagna (che si professa amatissima) attende il loro primo figlio. Anche qui, in camera caritatis, non mi esprimo.
Ultimo fuoco a mare che ho potuto vedere è stato l'ingresso di una nanerottola grassottella e paradossalmente vestuta (il vestito veramente era un'amore, ma direi che forse non fosse troppo donante per lei) alla quale hanno fatto scoppiare la valigia poiché lei è una fashion victim – che poi appena dopo aver parlato di camorra, insomma voliamo alti, eh. Quello che la turbava di più era la perdita, non me ne spiego il motivo, di una certa "mutanda giusta" suo proprio personale credo di vita.
Seguiva ingresso di una stanfellona alta un 1.83 la quale avrebbe bisogno, per la drammatica rapidità con la quale passa dal riso sgangherato al pianto disperato, di dosi massicce di lithio, che spero abbia portato seco. Si deve dire che in questa auspicabile ipotesi è una vera forutna che non sia stata la sua, di valigia, a saltare per aria.
Ecco il GF a me piace perché mi rassicura: sono la banalità fatta persona. 

Tutte le foto pubblicate vengono da tvblog.
Per la scrittura di questo post sono stati bruciati 1000 neuroni.

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in i love trash tv. Contrassegna il permalink.

9 risposte a GF 11: l’inizio della fine.

  1. anonimo ha detto:

    ahahhh che grande!!
    Non potevo perdermi almeno la prima puntata di un programma così trash da farmi venire gli attacchi d'ansia!!

    Ma perchè il gigolò portava il casco se poi l'avremo visto 20 secondi dopo nella casa? Forse perchè era un cesso???
    chissà, ti lascio con questa domanda cara!
    buona giornata 😉

    eli

  2. nonsodove ha detto:

    ma….sono già 11 anni che ci propinano questa roba?
    povera italia, come stai messa -.-

    ps, una preghiera per quei mille neuroni trucidati senza pietà

  3. anonimo ha detto:

    Mi son fermato a metà…  non mi dire nulla ma… non riesco nemmeno a leggere del grande fratello

  4. pierthebear ha detto:

    ok..nn posso negarlo..io adoro questa donna (anche se ora nn a piu 1000 neuroni)..ma  ti sei persa Indiana Jones!!!!hahahaha nn guarderò mai il G.F. pero ti assicuro che se rifarai una recenzione divertente come questa (e ne sono sicuro) la leggero due volte come oggi 😉 un abbraccio ciao numero uno..Pier

  5. anonimo ha detto:

    @Eli, amata ELi: e no che non potevi!!! hai visto ti ho anche citata!!!! Si cmq sto fatto del gigolò è stato pattonale che pecionata!
    @Nonso: una alta prece leviamo tutti insieme!
    @Fabro: non fare lo schizzinoso, prima opoi verrai a piangere a Canossa…
    @Pier: e devi dire che non loavevo neanche visto al cinema… eheheh ammetto mi sono divertita molto anche io a scriverla! un bacione

    SuperEgoVsMe @ new office (Studio Bisou versione 2.0: un delirio!!!)

  6. solovento ha detto:

    Ti ho trovata per caso e ti ho letta d'un fiato. Posso chiederti virtualmente amicizia sulla base del terz'ultimo rigo?

  7. superegovsme ha detto:

    @solovento: con piacerissimo, ora non so quale sia il terz'ultimo rigo, però puoi farlo di certo! 😉

  8. lo_struzzo_nero ha detto:

    Ma quello che mi sorprende è che fa sempre il boom di ascolti… siamo proprio un popolo di cerebrolesi…

    buongiorno!

  9. superegovsme ha detto:

    @Struzzetto: beh, meno male almeno mi sento meno sola. SuperEgoVsMe membro onorario del popolo bue!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...