Perché a Studio Bisou niente è più come prima!

Già dal titolo si possono capire tante cose.
Del resto è fatto notorio: nomina sunt res; nomen omen; numina lumina.
E direi pure e trick e tracké, tanto per.
Quindi se io che, ampollosa come non mai, sono usa, adusa, e gaudente nel citare un Eschilo – quando non mi scappa un Baudelaire, con una punta di Saramago, infarcito dei Simpson, inseguito dalle prodigiose suggestioni del divino amore provato (e non profano) per DFW -, ti piazzo così, a bella posta, come referente un Dj Francesco, evidentemente davvero "niente è più come prima" e sul serio.
Ecco vedete cosa è successo?
Sono di nuovo contorta nella favella!
In una frase ti metto tre parentesi e due lineette, non trascurando una sola piccola principale circondata da tre vel quattro secondarie dalle consecutio temporum atque modorum molto ardite (ancorché esatte, Dio voglia).
Questo comporta che, ieri, in una letterina legale abbia scritto "pertanto, evidentemente" facendo venire le convulsioni a Bisou, ma poco importa, perché se sto così, non è la primavera (infatti, non reggeva più la scusa, no, nuooooooooo) ma è tutta colpa sua.
Cosa è successo?
E perché ci metti dieci righe anche solo per dircelo, vi chiederete Voi?
Perché ho pudore dei miei sentimenti e della verità, risponderò prestamente io.
Ma, poiché, somethings are meant to be, non procrastinerò più e vi butto in medias res.
Dunque, poco meno di un mese fa, ad inizio ottobre, la mia già dissennata vita professionale – che prevedeva nel suo pacchetto base, la presenza pervasiva di soggetti della calibro di un cavaliere bretone, Parsifal (già famoso per questo, ma non è che una minima punta d'iceberg, credetemi), di una donna efficacemente chiamata USM (che sta per Unica Sana di Mente), di uno sfuggente Bianconiglio meravigliosamente scisso, più che tra nuvole e lenzuola, tra apucundria e fescennini, e una pletora di improbabili clienti, assistiti e collaterali di tutti i summenzionati soggetti – si è arricchita di tre e dico tre personaggi memorabili.
Per fa sta vita meno amara, infatti, Studio Bisou è da un mesetto dislocato spazio-temporalmente in due luoghi differenti.
I due luoghi sono, tra l'altro, vicinerrimi, di quella tipica distanza che ti fa dire "toh ho dimenticato quello, ma tanto lo vado a prendere subito!" quella settantina di volte al die per poi trovarti alle ore 18.30 più ai piedi di Pilato già deposto e sto!
E così due volte a semaine, la oramai famosa voce sexy-softcore-ma-professionale "Studio Legale Bisou, buonaserah!", diventa "Studio Associato, buonaserah", che dirò, in effetti, trovo più interessante!
Sarebbe ancora più carino declinare tutti i cognomi, ma siccome che so rinco, mica li so già tutti.
Quello che succede in quei locali è scritto nella mente di Giove e lì dovrebbe rimanere, ma poiché le croci son più lievi se portate in più persone, beh io parlerò ah, se lo farò.
I miei nuovi tre eroi sono: un caro, dolce e tenero ragazzo mio coetaneo, troppo educato per sopravvivermi senza conseguenze sul piano neuro-vegetativo (non mi opponete che non esiste un piano neuro-vegetativo, se del caso. Pensate: se non esistesse, son riuscita a farglielo crescere per poi sconquassarglielo) che per semplicità chiameremo Mr. Hide, per motivi che saranno poi chiariti; il dominus di Mr Hide, per il quale, al momento non ho, incresciosamente, un soprannome: ragazzo di poco più grande di noi due che ha l'aria del perfetto bravo ragazzo (ma del resto lo è anche, credo), il quale nasconde una vena di comicità deflagrante che esplode durante il momento topico della nostra vita di studio, cui più sotto farò riferimento; ed last but not least, quello che, al momento (non temete ragazzi potete sempre risalire in top one) è il mio preferito.
Quest'ultimo è un uomo di circa 35 anni, se ho ben capito, piuttosto piacevole al guardo, si dica per inciso, ma, soprattutto, caratterialmente adorabile.
Simpaticissimo, ben educato ma non ingessato, è un uomo che quando parla, anche solo tangenzialmente, della moglie, della loro famiglia ma, soprattutto, del loro tenerissimo bambino, mi fa sciogliere.
Vedere una persona, forse ancor più che serena, addirittura felice, non può che farmi sorridere e di cuore, sebbene sia un perfetto sconosciuto.
E oltrettutto possiede un wonderful I-Phone 4, il che lo rende savio, già solo per questo.
Con questi tre geni del crimine, Ego intrattiene quelli che sono due dei momenti oggettivamente più carini della settimana: pranziamo tutti insieme nella mia stanzetta (ah, se quella stanza potesse parlare…).
In questi frangenti, che ieri in una dannata assenza di Top One (chiamiamolo così, by the moment) non ho esitato a definire "i nostri simposi prandiali" facendo ridere sino alle lacrime il mio amato Bisou*, che deflagra tutta la forza che i nostri tre campi energetici possono sprigionare.
Escludo momentaneamente il mio idolatrato, venerato Mr. Hide, perché mentre si mangia dovete sapere che cade in deliquio, oltretutto credo ci segua da una fase un attimo più profonda di coscienza (deve essere una sorta di fase pre-post-percettiva) tanto è vero che poi si ricorda tutto quasi parola per parola e vi dico che io sono una delle meno loquaci, per farvi capire quante fregnacce si possono dire in quell'oretta lì. 
Comunque tra me, Top One e il momentaneo ragazzo senza nome (ecco già risalgo cito Morgan!), si dicon cose che voi umani… oltre alla simpatica circostanza che, oramai, sono percepita come il terzo amico camionista, perché in mia presenza (e davanti alle caste orecchie di Mr Hide, che è peggio) costoro pronunciano le worst thing!
Di più non dimandate, che poi vi sarebbe detto.
Vi voglio solo cristallizzare questa sublime immagine, tanto per ingolosirvi ancora di più di quanto già non lo siate.

Ego, giuliva, festosa, festante (quasi come un'ipotetica vispa Teresa che corresse incontro a morte certa, BUON INTENDITOR) esce dal loco recesso – sul quale già vi sarebbe da dire in nuce, considerando che non so quasi mai aprirne la porta – e passa davanti al momentaneo ragazzo senza nome, odorandosi le mani con fare gattesco.
Ego: "Momentaneo Ragazzo senza nome! Ma cus'è che l'è sto sapone che c'è in bagno, è troppo bello!"
M.R.S.N.: "Ehm, pensa te… ti piace? Veramente è il sapone per i piatti!"
Ego: "…"
M.R.S.N.: "… ma non ti preoccupare! Tanto è diluito!"

Che dire… buon feng shui a tutti!

PS: ce lo so che non ho spiegato perché chiamo MR Hide il mio amaterrimo futuro consorte, ma l'ho fatto scientemente. Ambirei che mi implorasse di dirglielo venerdì… poi lo dirò anche a Voi!

*Ieri in una interessantissima versione Sbirulino, il che lo fornisce di un altro nome nel marasma dei suoi precedenti.
Bisou: "Dì la verità Zouzou, questo vestito fa proprio schifo, eh!" Ego: "Se!", senza alcuna forma di tutela. Bisou, un po' amareggiato: "Ma perché che c'ha?!" Ego: "E mah bla bla bla e poi anche bla e poi… sembri Sbirulino!" Da qui il delirio ma questo non lo racconto siamo seri professionisti noi! 

Questo post ti fa cappottare dal ridere? Hai almeno un po' di pietà per me? Preferisci il Paradiso? Non bevevi Jagermeister e non sai perché? Clicka qui e Vote for Me, anzi for Ego!!

Advertisements

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in essere bionda, essere mora, essere piri indaco, essere sfmg blogger, se non avrò una mela morsicata, studio bisou. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Perché a Studio Bisou niente è più come prima!

  1. PiladeK ha detto:

    L'stensore della seguente dichiara sotto la vs esclusiva e sola responsabilità dopo aver distrattamente letto il sopraccitato aggiornamento è intercorso nelle seguenti casualità:
    1. singhiozzo con spasmo gastrico reiterato
    2. risate pseudoconvulsivanti plurime
    3. trance ipnotica..
    conciosiacosacchè…
    considerando..
    che gli abitanti di Creta sono tutti bugiardi..
    ed io dico sempre la verità…
    ….

  2. PiladeK ha detto:

    L'stensore della seguente dichiara sotto la vs esclusiva e sola responsabilità dopo aver distrattamente letto il sopraccitato aggiornamento è intercorso nelle seguenti casualità:
    1. singhiozzo con spasmo gastrico reiterato
    2. risate pseudoconvulsivanti plurime
    3. trance ipnotica..
    conciosiacosacchè…
    considerando..
    che gli abitanti di Creta sono tutti bugiardi..
    ed io dico sempre la verità…
    ….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...