Ricetta di donna.

Questa canzone qua l'ho scoperta qualche settimana fa, grazie ad una amica romana che ahimé vedo assai poco, anche se viene spesso a Napoli, perché a me capita sempre così: con le persone che più mi divertono, cui più tengo, cui voglio più bene, mi vedo di meno – a meno che non siano gli amici e le amiche storiche che mi secutano quando io scompaio nei miei vortici di tristezza o di euforia.

Ebbene la Vale è una donna tutta folle: rimarrà sempre mitico un nostro incontro invernale sotto i baretti a Napoli. Io vidi arrivarmi questo proiettile tra le braccia, ad una velocità tale che, non nego, ebbi anche qualche difficoltà a capire chi fosse, lì per lì.
Una volta abbracciatami stretta stretta – a tubetto di dentifricio, dico io* – la Vale inizia a vomitarmi addosso una serie di assurdità a formazione progressiva, delle quali io sembrava dovessi essere informatissima.
La bellezza della scena, già di per sé godibilissima, è stata aumentata dalla circostanza che vi assisteva, incredula, un altro mio personale mito, la mia compagna di studi.
Giovannella, questo il suo Ego-nick**, ci guardava attonita e fu lei, del resto, la vera chiave di volta della scenetta da teatro dell'assurdo.

Giovannella – una volta che la Vale se ne era andata, scheggiando via con la stessa incoerente velocità con la quale era venuta -: "Ego, ma tu hai capito che ti ha detto?"
Ego: "Assolutamente no!"

Comunque, per tornare alla canzone, sta canzone qua, con questo video qua – di cui alla diapositiva – la buona Vale, l'ha pubblicato sul libro delle facce, non più tardi di un due semaine fa.
L'amore è stato immediato e così, lo voglio condividere con Voi, cari Topoloni, questa volta, all'ascolto.
Siate attenti al testo: è meraviglioso.
E per chi non mi conoscesse, alla risata: è molto simile, inquietantemente simile, alla mia risata satanica.

Deve avere l’aria 
di chi ha già vissuto 
l’espressione fiera 
che non è un rifiuto 
seno quanto basta 
a riempir la mano 
fianchi dove affonda 
qualunque capitano 

Costano le donne costano 
più dei motori dei gioielli e delle lacrime 
ballano le donne ballano 
ma quelle vere sono rare 
e non si comprano 
tu le puoi prendere ma non comprendere 

dice il talismano 
che la buona moglie 
perde con il nome 
tutte le sue voglie 
stira lava e tace 
anche orizzontale 
e questa per un uomo 
sarebbe l’idelae?! 
sarebbe l’ideale??!!??!! 

ah ah ah ah… 

bella non è tutto 
meglio affascinante 
e una volta a letto dev’essere 
importante 
tenera e crudele 
quando è innamorata 
ma non avere miele 
per la fame di un pirata 

costano le donne costano 
più dei motori dei gioielli e delle lacrime 
ballano le donne ballano 
ma quelle vere sono rare e non ritornano 
puoi farle piangere 
ma non rimpiangere 
ah ah ah ah…

*Era il tipico abbraccio mio e del Grupetto, nei momenti di massimo amore. Cioè, sempre.

**Dicesi Ego-nick i soprannomi inventati da Ego per le povere persone che la circondano. Gli Ego-nick si contraddistinguono, mediamente, per la loro assoluta molestia. Un esempio? Ieri il buon Parsifal è stato derubricato da cavaliere della tavola rotonda a… no, questo non lo dico, poi si incazza, anche perché rideva ma conservava del rancore. No, no, non posso proprio dire – e pubblicamente, poi – che lo chiamo Leprotto, non posso. E non lo farò 

Annunci

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in essere bionda, essere mora, essere sfmg blogger. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ricetta di donna.

  1. pierthebear ha detto:

    é proprio vero..(il mondo è donna)..per fortuna…ciao bionda..Pier 😉

  2. superegovsme ha detto:

    Ciao bello mio!!! quanto hai ragione…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...