Fausto Sarli: un grande della moda sartoriale.

sarli

Ci sono persone, professionisti, artisti, creatori, uomini e donne, in definitiva, che entrano nel mito.
Che nel loro campo accedono, per estro, capacità, dedizione, imprenditorialità, gusto, a livelli iperuranei; che trascendono anche i limiti stessi della loro attività.
Il napoletanissimo Fausto Sarli (e che vanto è sottolineare le grandezze della mia città), nato nel 1927, è, di certo uno di questi individui.
Fausto Sarli, lungo tutta la sua vita – fatta di arte, lavoro, dedizione – ha creato sogni per donne di ogni età, estrazione, e abiti per molte fortunatissime donne.
La moda di Sarli, spentosi stamattina a Roma, è la rappresentazione del vero stile napoletano; della grandissima attenzione per il taglio e per i tessuti: dell'enorme passione per l'eleganza, senza necessariamente compromettere, però, anche la platealità, la vanità, il voler essere protagonista.fausto-sarli-ai3Frivolezze che ogni donna (soprattutto nel fantomatico giorno più bello: famosissimi sono gli abiti da sposa del Maestro e dei Suoi atelier) possiede nel suo cuore, a volte mistificate e nascoste.
Sarli esordì giovanissimo nella prima metà degli anni '50, con una sfilata di alta moda nell'ambito di Pitti Immagine (la prestigiosa vetrina dell'alta moda di Firenze); il suo atelier, sorto nella sua città natale, Napoli (ancora oggi esistente in Via Calabritto, nelle vicinanze di P.zza dei Martiri, salotto buono della città*), vide un'altra sede, a Roma, in Via Vittorio Veneto, cui fece seguito un ulteriore boutique a Milano.
Nel 1984, Sarli, che da sempre si era dedicato quasi esclusivamente all'alta moda e alla moda sposa (vestendo donne del jet set così come dello spettacolo e della nobiltà internazionale), lancia la sua linea di pret a porter, Sarli Pret a Porter, per l'appunto.
Ancora nel 1998 viene investito del compito, perfettamente portato a termine, di restaurare il guardaroba dell'attrice Eleonora Duse, già musa ispiratrice di Gabriele D'Annunzio: i vestiti della Duse, da lui restaurati saranno esposti, con grandissimo successo, nei musei di tutto il mondo.
sarli-2-1Da ultimo, pochi mesi fa, il Maestro Sarli è stato insignito del riconoscimento della "Lupa Capitolina", consegnatogli dal Comune di Roma, nella persona del sindaco Alemanno, per i suoi perspicui meriti di genio dello stile e di massimo diffusore internazionale dell'eccellenza sartoriale del Made in Italy.
Al di là dei facili campanilismi, di cui, in questi casi, io stessa posso cadere preda, la perdita di un Signore come Sarli (mi dicono, oltretutto, persona squisita e cortese**), è un impoverirsi della cultura italiana tutta.
Un impoverimento del quale, davvero, non si sentiva il bisogno.

Questo post è comparso anche sul blog di Fabrizio Reale.

*In occasione delle festività natalizie 2010, invasa pacificamente, si spera, da un branco di leoni:  avvenieristica istallazione dell'artista Nadia Magnacca, sponsorizzata dal "Consorzio dei Mille".
**Quel demonio di Mammabis ben lo conosceva…

Annunci

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in cultura cultura cultura, fashion blogger anche io. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fausto Sarli: un grande della moda sartoriale.

  1. pierthebear ha detto:

    ciao Dani….ma dopo lo shopping compulsivo….i ristorantini alla moda…..e ora gli abiti da sposa…..ma non vuoi mica dirci qualcosa????hahahahaa  aspettiamo notizie certe e tendenziose 😉 ciao Ego…sempre eccellenti le tue recenzioni..ciaooo
    ps:domanda di  servizio…come mai  vedo il tuo blog in fondo alla mia videata..sarà colpa mia? ciau ciau

  2. superegovsme ha detto:

    ehehehe no, no, non ti preoccupare Pier: mi sa che l'abito bianco arriverà, se mai arrivasse, tra molti molti anni.
    come scrivo su fb, sono un genere per amatori, e, quindi sono assai poco capita!!!
    Senti ma mi visualizzi con explorer o con altri browser? io da chrome mi vedo bene.
    forse il tuo schermo non è grandissimo?
    in ogni caso credo dipenda dai nuovi badge che ho inserito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...