A futura memoria.

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ricevuto questa sera in Quirinale il Presidente del Consiglio, on. Silvio Berlusconi, accompagnato dal Sottosegretario dott. Gianni Letta. All'incontro ha partecipato il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, Consigliere Donato Marra. Il Presidente del Consiglio ha manifestato al Capo dello Stato la sua consapevolezza delle implicazioni del risultato del voto odierno alla Camera; egli ha nello stesso tempo espresso viva preoccupazione per l'urgente necessità di dare puntuali risposte alle attese dei partner europei con l'approvazione della Legge di Stabilità, opportunamente emendata alla luce del più recente contributo di osservazioni e proposte della Commissione europea. Una volta compiuto tale adempimento, il Presidente del Consiglio rimetterà il suo mandato al Capo dello Stato, che procederà alle consultazioni di rito dando la massima attenzione alle posizioni e proposte di ogni forza politica, di quelle della maggioranza risultata dalle elezioni del 2008 come di quelle di opposizione. 

Non potevo non scriverne, non ci riuscivo.

Non so ancora bene cosa succederà, #dopolaleggedistabilità, fatto sta che ieri è stato indubbiamente uno dei giorni più importanti per la politica italiana da quando ne ho memoria.

Ieri, finalmente, si sono aperte le crepe in quella che era diventata una gabbia per la società, per l'economia, per il libero pensiero, per la libertà di espressione e, in un certo senso, anche per la curiosità mentale in Italia.

Da ieri, la fine, la crisi definitiva, il collasso del berlusconismo sono più vicini, forse sono perfino una realtà.

Dice perché dici forse? Perché ancora non ci credo.

Perché mi pare tutto troppo bello per essere vero.

Perché vedere un tipo che mentre io – appena scesa dallo studio – urlo, al telefono con mamma – che aveva appena sentito del sopraesteso comunicato diffuso dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano – "Si è dimesso? Si dimette?!", si fa il segno della croce e dice "Amèn" (noi napoletani lo diciamo così!  ) , beh mi ha dato il senso di una grande, enorme liberazione.

Speriamo bene, speriamo bene davvero.

T'aggio voluto bene a tte (…), tu m'hai voluto bene a mme (…!!!!), Mo' NUN C'AMAMM' CCHIù….

Ciao Mister B. torna nell'incubo della democrazia, della cui stessa materia sei fatto.

Annunci

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in ho detto la mia su. Contrassegna il permalink.

7 risposte a A futura memoria.

  1. nonsodove ha detto:

    Io finchè non vedo non credo, certo a prescindere dalle proprie idee politiche trovo indubbio che si fosse da mesi in una situazione di stallo ed essere in stallo in un periodo come questo in cui servono provvedimenti etc è solo che deleterio.
    Tante belle promesse ovviamente, fatti concreti mi pare pochi se non i suoi personali.
    Quindi, aspettando le dimissioni mi domando se assisteremo ad un altro reimpasto stile Prodi-Dalema o se torneremo a votare.
    Spero solo che il dopo B. sia migliore, dove per migliore mi auguro non si intenda l'enesimo genio che chiede l'enesimo sacrificio dei soliti "poveri" dove per poveri è da intendersi tutta quella classe lavoratrice che già è stratassata in busta paga e nel fare benzina etc, e dove per sacrificio non si intenda l'arrivo di qualche nuova tassina o l'aumento di altre che sempre ai soliti poveri di prima vanno a succhiare il poco sangue rimasto.
    Ci toglieremo un bel grattacapo con la caduta di B…..ma non è che appena se ne andrà tutto diventerà rose e fiori.

  2. pierthebear ha detto:

    sarebbe da mandarlo in galera per dove ci ha portato sto st tes d cz etc etc..nn c'è crisi.. ristoranti e gli aerei sono sempre pieni…alcune volte mi chiedo se i politici (in generale)abbiano perso il contatto con la realta delle persone comuni perche non tutte vanno in aereo o al ristorante cosi spesso con 1000 euro al mese! Cmq è la prima volta in vita mia che ho un po di paura per il "nostro" futuro…speriamben..ciao Ego cmq menouno 😉

  3. superegovsme ha detto:

    @Nonsodove: anche io temo sempre che possa cambiare idea, o che mi possa svegliare io nel cuore della notte realizzando che era stato solo un bel sogno! cmq la verità è che sta tramontando e nel peggiore dei modi, però ne farà ancora molte di negative per noi. Lo stallo dell'Italia, temo, sia uno stallo che dura da decenni, è che non è attribuibile al solo berlusconi, nonostante tutte le colpe che ha e che è sempre piacevole attribuirgli!

  4. superegovsme ha detto:

    @Pier: ecco, questa riflessione, amara, mi colpisce molto. Uno degli aspetti più deteriori del berlusconismo, infatti e a mio sommesso avviso, è proprio questo: avere tolto la speranza ai liberi cittadini. La voglia di fare, la prospettiva di lottare per un proprio futuro migliore. Ci ha tolto questa voglia qui. e on è poco, anzi, è una delle robe che può stroncare il futuro di una nazione

  5. nonsodove ha detto:

    Pienamente concorde col fatto che non è certo B. la causa di tutti i mali e che quando si dimetterà non sarà tutto un rose e fiori nel giro di dieci minuti.
    Nel frattempo c'è il patto di stabilità da fare, ed il furbone se non ho capito male già ha fatto la sua inserendo le solite modifiche sui licenziamenti etc che a lui tanto piacciono…..così ora la palla passa all' opposizione, e non è certo una palla da poco.

  6. superegovsme ha detto:

    ecco infatti. immagina riprendere le redini di un paese così martoriato e in una congiuntura simile. tu li vedi capaci? io purtroppo no. ma poi vincerà l'opposizione? io ancora non ci credo

  7. Salinaversosud ha detto:

    Io ho seriamente paura.
    Sono sconfortata. 
    "Stuck, Stuck"
    Braccine cadute da un po'.
    Ho provato a riattaccarle, ma niente

Rispondi a superegovsme Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...