Questo Natale arriva con tutti i crismi.

Mancano nove giorni a Natale, Topoloni cari.
E lo sapete: qui Natale è Natale, non è mica una robetta random, eh…

nataleDunque la casa è una bomboniera, ma quello già da metà novembre, a ben vedere.
La bontà è a picchi stellari, siderali, celesti (tipo: oggi ho ringhiato solo contro 16 persone, rendiamoci il conto, come diceva un mio caro amico).
L'umore è lieve e roseo.
Il planning regali arranca, arranca, arranca.
Il monte ore di lavoro da agire – o più verosimilmente da patire -prima di Natale è sesquipedale (anche solo per poter usare questo meraviglioso aggettivo).
Le attività blogghistiche languono, quasi come se la mia piattoforma-server stesse per collassare (uhdio, ma è proprio così).

Nel giro di 48 ore tra il 23 e il 25 farò questo tragitto della sympatia: Napoli-Roma Roma-Fiuggi Fiuggi-Roma Roma-Napoli, come se ci fossero i tornelli. E pure allora non si capirebbe bene né dove, né su quale mezzo: se più sull'intercity dell'andata, sugli autobus mediotermine o sulla freccia rossa del ritorno).

Insomma, sì, se ve lo stesse chiedendo, sono esurita.

Del tutto.

Completamente.

Incredibilmente.

Felicemente.

Però, nessuno osi chiedermi cosa faccio l'ultimo dell'anno, eh: potrei avere convulsioni che Linda Blair levati.

Informazioni su SuperEgoVsMe

Una rampante partenopea di belle speranze. Sono una bloggheressa esaltata ed esaltante (?!), anche se ondivaga più di uno tsunami, che ricordo per tranquillità e piacevolezza. Cultrice del buono e del bello e della pazzia, perché si sa, similes cum similibus congregantur, riferendomi all'ultimo lemma. Wannabe critico enogastronomico e, pertanto, cagapalle mostruosa a tavola. Sono l'incubo di ogni maitre che crede che il Cordon Bleu sia solo un prodotto Findus. Innamorata pazza di un uomo magnifico. Perennemente in lotta vs personalità borderline. Proprio ora che sono venuta a capo della mia. Suprematizzante, as u'll see. Volevo essere una blogstar, poi sono stata folgorata sulla via di Montecarlo da un certo Pocacola ed ho capito di dover essere una SuperFigaMegaGiga (trademark). Il prossimo passo che mi divide dalla conquista del mondo è diventare una twit-star. Seguimi e likami ovunque: mi troverai qui e lì nel magma del web. Sono riconoscibilissima: le mie cazzate hanno il marchio di fabbrica.
Questa voce è stata pubblicata in essere bionda, essere mora, essere piri indaco, facciamoci i fatti miei, ma noi aspettiamo il natale semp. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...